Categorie
Conoscenze di base Fit for LIFE

Quale abbigliamento protegge dalle scottature?

Una protezione solare efficace è essenziale per gli atleti di resistenza. Ma quanto sono sicuri i vestiti sportivi?

Fondamentalmente, ci sono due modi per proteggersi: attraverso creme solari con protezione UV e attraverso un abbigliamento adeguato. In linea di principio, la protezione del tessuto è molto più efficace e sostenibile. Questo perché mentre la protezione fornita da una crema solare si esaurisce con il tempo – e può essere prolungata solo in misura limitata con la “ricrematura” – la pelle è permanentemente protetta ad alto livello con un buon abbigliamento.

L’abbigliamento sportivo con protezione UV è disponibile da quasi tutti i fornitori, ma molti di loro offrono solo una protezione sopra un certo UPF. Questa abbreviazione si riferisce al “Ultraviolet Protection Factor” – l’unità di misura della protezione UV, per così dire. L’UPF indica quanto tempo si può stare al sole senza danneggiare la pelle. Questo valore è paragonabile al fattore di protezione solare (SPF) delle creme solari. L’UPF corrispondente dovrebbe sempre essere usato insieme alla protezione propria della pelle, che dipende fortemente dal tipo di pelle individuale. Le persone con una carnagione chiara, per esempio, hanno un tempo di protezione intrinseco di solo cinque o dieci minuti prima di rischiare una pericolosa scottatura. Con una maglietta con UPF 20, questo tempo può quindi essere esteso di un fattore venti.

Non tutti gli indumenti proteggono allo stesso modo

La protezione dai raggi UV nell’abbigliamento si ottiene principalmente attraverso una composizione del tessuto molto densa, che assicura una protezione permanente, cosa che non avverrebbe se il tessuto fosse impregnato di sostanze chimiche. Inoltre, le fibre utilizzate di solito hanno anche un effetto riflettente. In generale, più una composizione è aperta, meno protezione offre.

Anche il colore gioca un ruolo: i colori scuri di solito ottengono una migliore protezione UV rispetto ai colori chiari, poiché i pigmenti di colore assorbono anche i raggi UV. Tuttavia, non tutte le camicie scure proteggono automaticamente bene dai raggi UV. Con le fibre naturali come il cotone o il lino, la protezione è relativamente bassa. Una maglietta bianca, per esempio, offre un fattore di protezione UV di appena 10-15. Se è bagnata, le fibre sono praticamente trasparenti e non offrono più alcuna protezione. Solo la seta naturale offre una protezione UV relativamente alta di 20-30, in quanto queste fibre presentano componenti opache.

Come si misura?

Ci sono diversi standard per determinare l’UPF. Lo standard Australia/Nuova Zelanda è misurato allo stato asciutto e non teso. Più rigoroso, tuttavia, è l’UV Standard 801, che prende in considerazione anche lo stress e la tensione durante l’uso (in condizioni tese e bagnate). L’UV Standard 801 è considerato particolarmente pratico dagli esperti, in quanto prende come base le condizioni d’uso più sfavorevoli.

In generale, la protezione UV è riportata per l’abbigliamento fino a un valore di 80. Questa protezione fornisce una copertura affidabile per tutto il giorno anche per il tipo di pelle più sensibile. Gli atleti di resistenza dovrebbero chiedere informazioni sulla protezione UV quando acquistano abbigliamento sportivo e cercare un fattore di protezione di almeno 40. In combinazione con una protezione solare con un fattore di protezione altrettanto alto per le parti scoperte del corpo, un copricapo adatto e occhiali da sole, sarai al sicuro per almeno tre ore!

Come calcolare il tempo di autoprotezione

La base del calcolo della protezione è il tempo di autoprotezione, che va dai 5 ai 10 minuti e dipende dal tipo di pelle. Se vuoi essere sicuro, usa il minimo di 5 minuti come base. Le persone con un tipo di pelle scura possono usare un valore più alto. Questo valore viene poi semplicemente moltiplicato per l’UPF dell’abbigliamento o della protezione solare. Il tipo di pelle individuale può essere determinato tramite questo link.

 

Questo articolo di Blog ci è stato messo a disposizione da Fit for Life. Fit for Life è la rivista svizzera per il fitness, la corsa e gli sport di resistenza. Vuoi leggere regolarmente questi articoli? Allora clicca qui.