Categorie
Conoscenze di base Fit for LIFE

Acqua Jogging

L’acqua jogging, conosciuta anche come corsa in acque profonde (Deep Water Running), è una valida alternativa invernale e d’infortunio per i corridori. Un aspetto da considerare è la coordinazione con gli allenamenti di corsa.

I corridori ambiziosi preferirebbero semplicemente correre e non preoccuparsi molto delle forme di accompagnamento alternative e di rafforzamento – se solo non ci fossero sempre problemi muscoloscheletrici. Una possibile soluzione per i freddi giorni invernali: l’acqua jogging.

Prezioso allenamento di coordinazione

La corsa in acqua profonda, come viene chiamata l’acqua jogging, può essere utilizzata per praticare numerosi elementi tecnici e migliora anche la forma fisica. In questo modo, puoi allenarti specificamente per la corsa e allo stesso tempo proteggere il tuo sistema muscolo-scheletrico.

Fondamentalmente, si può sbagliare poco nell’acqua. Se vuoi beneficiare della tecnica di corsa, dovresti affinare la tua tecnica in acqua o eseguire il movimento in modo pulito come sulla terraferma, il che non è così facile.

Ciò di cui hai bisogno è un’imbracatura speciale o, ancora meglio, un gilet con corpi di galleggiamento, che ti assicura di stare in piedi in acqua e di poterti concentrare sugli elementi tecnici. Equipaggiato in questo modo, puoi concentrarti sull’alzata del ginocchio (con il piede piegato davanti), sull’estensione della gamba dietro (con il piede teso attraverso), su un busto eretto e un centro di gravità alto o sul movimento delle braccia, tutte cose che contano anche nella corsa su terra. Oppure si può correre nell’acqua camminando o saltando.

Polso più basso che sulla terraferma

In acqua, la frequenza delle pulsazioni è più bassa che sulla terraferma a causa della pressione dell’acqua, ma si può ancora sudare molto se si eseguono i singoli passi in modo vigoroso e ad alta frequenza. Anche gli intervalli possono essere eseguiti senza problemi.

Inoltre, innumerevoli esercizi di ginnastica possono essere eseguiti in acqua con il gilet, che da un lato è molto più facile a causa dell’assenza di gravità, ma dall’altro può essere faticoso a causa della resistenza dell’acqua. I corridori dovrebbero favorire soprattutto gli esercizi di rotazione del busto e delle gambe – qualcosa che viene trascurato nella corsa.

Il timing è importante per chi corre spesso

Se corri 4-6 volte alla settimana, dovresti spostare il tuo allenamento in acqua, anche se attualmente non senti alcun fastidio. Ma anche per i meno ambiziosi, correre in acqua è un prezioso arricchimento dell’allenamento.

Allo stesso tempo, chi corre spesso a terra o in acqua dovrebbe tenerlo presente: L’allenamento in acqua è il complemento perfetto, ma non una sostituzione completa. Poiché la mancanza di impatto sul terreno elimina il carico muscolare eccentrico, l’allenamento in acqua non sostituisce il carico specifico della corsa sul sistema muscolo-scheletrico attivo e passivo. Manca anche il carico muscolare concentrico contro la gravità (a causa della galleggiabilità dell’acqua), così come le abituali frequenze dei passi di corsa di 180 o più passi al minuto.

Dal punto di vista della salute, questi non sono affatto svantaggi, anzi, i vantaggi superano gli svantaggi, ma dal punto di vista della corsa, allenarsi spesso in acqua significa perdere la dinamica della corsa veloce.

Tutto questo vale soprattutto per gli atleti con ambizioni competitive. Dovrebbero quindi intensificare il loro allenamento in acqua al momento giusto (inverno, primavera) ed essere consapevoli che dopo una fase di allenamento più lunga in acqua in primavera, ci vogliono circa quattro settimane di pazienza per abituare nuovamente il sistema muscolo-scheletrico alle unità veloci.

 

Testo di FITforLIFE– questo post del blog ci è stato fornito dalla rivista svizzera FIT for LIFE. Se desideri leggere regolarmente articoli informativi sulla corsa e sugli sport di resistenza, clicca qui.

fit for life logo